Le chat: uno strumento per aumentare la vendita dei servizi ancillari

I consumatori di oggi sono sempre più esigenti. Pretendono risposte precise in tempi rapidi, e sempre più spesso le cercano sul web, utilizzando strumenti come i social e le chat. Per non perdere delle opportunità anche le strutture alberghiere devono stare al passo con questo trend: hai mai pensato di implementare una chat per vendere i servizi ancillari del tuo hotel?

Se all’inizio i chatbot, e l’intelligenza artificiale in generale, erano circondati da un alone di mistero (e di sospetto), oggi fanno parte della quotidianità. Interagire con un bot non è più una novità, e, quando navighiamo sul web, siamo abituati a rivolgere domande e richieste via chat a robot più o meno evoluti.

La rivoluzione digitale ha coinvolto tutti i settori, e anche in quello alberghiero le chat sono diventate una prassi abbastanza comune. Molti alberghi, infatti, le hanno già implementate sul sito o sui canali social per agevolare il flusso di richieste provenienti dai clienti, vediamo come e perché sfruttare questi strumenti per migliorare la vendita dei servizi ancillari in albergo.

Chatbot e Intelligenza Artificiale in hotel

Le chat non sono solo un vezzo tecnologico da nerd. Sono una nuova forma di comunicazione incentrata sul cliente, che utilizza l’intelligenza artificiale e il machine learning per interagire con gli utenti in modo coinvolgente e personalizzato.

I chatbot offrono 3 vantaggi chiave:

1. Permettono di interagire con un pubblico più ampio


Gli esseri umani sono in grado di sostenere una conversazione per volta, il che può essere un ostacolo quando le richieste aumentano sensibilmente. Come far fronte a una grande mole di domande contemporaneamente? Grazie a un chatbot, che interagisce in tempo reale con più persone nello stesso momento. Inoltre, a differenza di una qualsiasi persona, i chatbot sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza limiti di orario.

2. Fanno risparmiare tempo


Un altro beneficio notevole dei chatbot è che, occupandosi al posto tuo (o del tuo staff) di gestire le richieste di base, ti lasciano tempo libero da dedicare a questioni più importanti. Gli ospiti del tuo albergo hanno delle domande ricorrenti (prima e durante la loro permanenza), quanto tempo potresti risparmiare se fosse un chatbot ad occuparsene?

3. Aiutano ad aumentare le vendite


Pensa ai chatbot come a dei concierge a tutti gli effetti. Che si tratti di vendere camere o servizi complementari, possono assistere i clienti passo dopo passo, accompagnandoli gradualmente verso la decisione di acquisto.

Grazie al machine learning, i chatbot possono imparare dalle conversazioni precedenti e dal comportamento dell’utente, diventando via via più intelligenti e offrendo soluzioni sempre più personalizzate. In questo modo è possibile proporre servizi ancillari realmente in linea con le esigenze del cliente, aumentando significativamente il tasso di conversione.

In termini di interazione con i clienti, il settore alberghiero deve fronteggiare sfide inedite, sia online che offline. I viaggiatori utilizzano il web e i dispositivi mobili con una naturalezza che fino a poco tempo fa non esisteva, e quando si progetta una strategia di marketing e vendite bisogna tenerne conto. Certo, il livello di complessità del processo di acquisto è aumentato sensibilmente, ma questa complessità può essere fonte di enormi opportunità: sta a te saperle cogliere.

Per aiutarti a costruire un’offerta di servizi ancillari efficace abbiamo progettato Ancillary Generator Canvas: uno strumento semplice e pratico che, prendendo in esame le diverse aree coinvolte nella gestione di un hotel, ti permette di individuare i servizi aggiuntivi migliori per la tua realtà, aiutandoti a capire come proporli, quando e a chi.

Vuoi saperne di più?

2 pensieri riguardo “Le chat: uno strumento per aumentare la vendita dei servizi ancillari

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.