Resilienti e formati: i nuovi albergatori del 2021

Che il 2020 sia stato un anno di sfide, questo è sicuro. Nessuno di noi era preparato a questa crisi senza precedenti, e sono state le nostre risposte a definire la situazione in cui ci troviamo ora. C’è chi ha deciso di chiudere i battenti e liquidare la sua attività, e chi ha deciso di dedicare anima e corpo per il futuro del suo hotel. Non c’è una risposta corretta: ogni scelta, infatti, ha portato con sé vantaggi e svantaggi dettati dalla situazione incerta.

Ed è proprio per condividere queste esperienze che abbiamo deciso di creare La mia storia: una rubrica dedicata a tutti i lavoratori del settore ricettivo, nata con l’obiettivo di individuare i problemi comuni all’interno dei nostri alberghi e trovare più facilmente una risposta a ognuno di essi. Un luogo aperto a tutti, come la nostra nuova community 😉

Nell’articolo di oggi abbiamo intervistato Marta Fiorentino, che ci ha fornito degli ottimi argomenti di discussione su come fronteggiare la crisi. Continua a leggere per saperne di più!

1. Marta Fiorentino: l’importanza della resilienza nei momenti difficili

Resilienza: [3] la capacità di reagire di fronte a traumi, difficoltà, ecc.

Treccani, vocabolario on line

Marta Fiorentino, ventiquattrenne, ci ha portato un’esperienza che molti potrebbero trovare a dir poco scoraggiante: appena qualche mese dopo aver trovato lavoro nel settore ricettivo, la pandemia l’ha subito portata alla disoccupazione. Invece di disperarsi, ha deciso di approfittare del lockdown per mantenersi formata. Perché i momenti di sconforto ci sono sempre stati e sempre ci saranno, e l’unica soluzione è trarre il meglio da ogni momento difficile. Una soluzione sempre valida è la formazione, che aiuta ad affrontare sia le problematiche odierne che quelle che ci aspettano.

Ecco alcune delle domande che abbiamo affrontato durante la diretta:

Quali sono le priorità che ci aiuteranno a ripartire?

  1. La sicurezza: il tema centrale del 2020. Quando si pensa a nuove offerte da proporre all’ospite, la prima domanda che dobbiamo porci è: sono sicure? Il cliente si sentirà protetto, o dovrà rinunciare al servizio per paura che non assicuri il rispetto delle norme sanitarie? Se prima si raccomandava un ristorante per il cibo o per l’ambiente, ora è diventata prassi la domanda “…ma è sicuro?”.
  2. L’assistenza: con le nuove necessità introdotte dalla crisi, essere sempre al fianco dell’ospite (in maniera metaforica) è quasi una necessità. Specie considerando che la nostra clientela abituale è cambiata, e che questo cambiamento ha portato nuove esigenze. Pensiamo ad esempio al cliente in smart working: vogliamo davvero lasciarlo col nostro WiFi che forse non prende nemmeno in camera sua, o è opportuno attrezzarsi per assicurargli una connessione stabile e veloce?

Che ruolo assumerà la tecnologia in hotel?

La realtà virtuale avrà probabilmente un ruolo molto importante nei prossimi mesi. Con la chiusura di diverse location turistiche e il rischio di assembramento in quelle rimanenti, il tuo hotel può rispondere in due modi. Adottare il turismo alternativo, proponendo tour delle meraviglie nascoste della propria città ed evitando così i problemi dei luoghi più gettonati. Un’altra alternativa sono i tour virtuali, pensati per completare le visite turistiche. Non si tratta quindi di sostituire totalmente le visite fisiche, bensì di consentire al turista di godersi le attrazioni in modo sicuro e innovativo.

I primi passi per tornare alla nuova normalità

Adattarsi a queste novità è sicuramente il primo passo per far ripartire la tua struttura, ma sia in questi momenti difficili che in un futuro – speriamo – meno difficile, una cosa è molto più importante delle altre: l’ambizione. Qualunque sia il tuo obiettivo, è sempre opportuno tenerlo a mente quando ti trovi davanti a delle scelte difficili. E se pensi di non aver ancora trovato la risposta giusta, condividere i tuoi dubbi può aiutarti a trovare la soluzione che cerchi.

Per questo motivo, noi di Ancillary Guru abbiamo deciso di fondare una community con lo scopo di aiutarti a mantenere il contatto con i cambiamenti del settore alberghiero, ma non solo. Ecco alcune caratteristiche principali di Ancillary Dojo, il nostro gruppo LinkedIn:

  • Mantieni l’autodisciplina grazie ad un ambiente produttivo, in cui ogni membro può interagire con gli altri per esporre i suoi dubbi e suggerimenti discutere sugli argomenti relativi al settore ricettivo;
  • Apprendi nuove conoscenze grazie agli allenamenti settimanali, creati con l’obiettivo di rafforzare la comprensione dei nuovi trend;
  • Segui le dirette esclusive di Maurizio Mischi, fondatore di Ancillary Guru;
  • Accedi a un percorso strutturato e cadenzato;
  • Accedi agli strumenti esclusivi da utilizzare all’interno della tua struttura ricettiva.

Clicca sul pulsante qui sotto e accedi subito ad Ancillary Dojo!